Skip to content

Il teatro dell’obbligo

aprile 29, 2017

54eb165406b10f63ca9e32fd5fd0c418

Come mai i teatri sono vuoti? Solo perché il pubblico non ci va.
La colpa è tutta dello Stato.
Perché non si istituisce il teatro dell’ obbligo?
Se ognuno sarà costretto ad’andare a teatro, le cose cambieranno immediatamente.
Perché credete che abbiano istituito la scuola dell’ obbligo?
Nessuno scolaro andrebbe a scuola se non fosse costretto ad andarci.
Per il teatro, anche se non è facile, forse si potrebbe senza troppe difficoltà fare lo stesso.
Con la buona volontà e col senso del dovere si ottiene tutto.
Non è forse vero che anche il teatro è una scuola, punto interrogativo!
Si potrebbe istituire il teatro dell’ obbligo già a cominciare dai bambini.
Logicamente il repertorio di un teatro per bambini sarebbe costituito esclusivamente di favole come Hansel e Gretel, Il lupo e le sette Biancanevi.
Cento scuole in ogni grande città, mille ragazzi al giorno in ogni scuola, fa in totale centomila ragazzi.
Centomila ragazzi tutti i giorni mattina a scuola, pomeriggio a teatro; ingresso per singolo bambino 50 pfennig, ovviamente a spese dello Stato, tanto come dire cento teatri da mille posti; quindi 500 marchi per teatro fa 50.000 marchi per cento teatri.
Pensate per quanti attori si creerebbero così delle occasioni di lavoro!
Istituito a livello regionale, il teatro dell’obbligo costituirebbe un motivo d’ incremento per l’ intera vita economica.
Non è davvero la stessa cosa dire : «Ci vado stasera a teatro? » oppure : «Oggi devo andare a teatro».
Con l’ obbligo del teatro ogni singolo cittadino rinuncia spontaneamente a tutti gli altri stupidi divertimenti serali come i birilli, i tarocchi, le discussioni di politica in birreria, gli appuntamenti, per non parlare di certi insulsi giochi di società tipo «Attenti all’uomo nero», «Sarto, prestami tua moglie” ecc., che servono solo a perdere tempo.
Il cittadino sa che andare a teatro è un suo dovere non è più necessario che scelga lo spettacolo tale o talaltro, non ha più dubbi del tipo «ci vado o non ci vado stasera a vedermi il Tristano e Isotta” no, ci deve andare per forza, perché è suo dovere.
È costretto ad andare a teatro trecentosessantacinque volte l’ anno, che il teatro gli faccia schifo o no.
Anche a uno scolaro fa schifo andare a scuola, ma ci va volentieri perché è suo dovere. – Obbligo! Solo con la costrizione oggi si può costringere il pubblico ad andare a teatro.
Decenni di buone parole sono serviti a ben poco.
Le offerte più allettanti quali «Platea riscaldata», oppure «Durante l’ intervallo è permesso fumare all’ aperto», oppure «Per studenti e militari dal generale in giù metà prezzo», tutte queste facilitazioni non sono bastate a riempire i teatri.
La pubblicità, che per un grande teatro assorbe annualmente centinaia di marchi, nel teatro dell’obbligo viene del tutto abolita.
Lo stesso vale per i prezzi dei biglietti; i posti non sono più suddivisi in base alle differenze di classe, ma a seconda delle infermità e degli acciacchi degli spettatori:
la 5a fila di platea : sordastri e miopi.
6a-10a fila di platea : ipocondriaci e nevrastenici.
10a-15a fila di platea : dermopatici e depressi.
Tutti i posti di balconata e di galleria sono messi a disposizione degli asmatici e dei gottosi.
In una città come Berlino – tolti i lattanti e i bambini sotto gli otto anni, i malati in stato di degenza e i vegliardi – ci sarebbero così ogni giorno circa due milioni di spettatori teatrali obbligatori, cifra che supera di gran lunga l’ attuale cifra di spettatori volontari.
La stessa esperienza negativa si era già avuta, del resto, coi pompieri volontari, finché dopo parecchio tempo si è capito che andare avanti senza pompieri obbligatori è impossibile.
E allora, se questo vale per i pompieri, perché non dovrebbe valere per il teatro Oggigiorno teatro e pompieri sono più che mai intimamente collegati; nella mia lunga pratica scenica dietro le quinte non ho mai visto uno spettacolo teatrale senza un pompiere.
Nel caso diventasse operante la proposta della UFTO (Universale Frequenza Teatrale Obbligatoria), costringendo, come si è accennato sopra, due milioni di persone ad andare quotidianamente a teatro, in una città come Berlino dovrebbero esserci a disposizione venti teatri di centomila posti. Oppure quaranta teatri di cinquantamila posti – oppure centosessanta teatri di dodicimilacinquecento posti oppure seicentoquaranta teatri di tremilacentoventicinque posti – oppure due milioni di teatri da un posto.
Quale fantastica atmosfera si venga poi a creare in una sala gremita, diciamo, di cinquantamila spettatori, ogni attore può dirlo. Soltanto con simili grandiosi strumenti di potere è possibile rimettere in piedi i locali vuoti, non certo coi biglietti gratuiti, no; l’unico sistema è l’obbligo, e il potere di obbligare il cittadino ce l’ha solo lo Stato.

(Karl Valentin)

12509267_10207174215587385_8342457069602536999_n

Annunci

From → Idee

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: