Vai al contenuto
Tags

la risposta seria ai teatranti fricchettoni

gennaio 24, 2018

– breve monologo con dichiarazione d’intenti –

(l’attore entra in scena con il cilicio)
…avete ragione voi.
avete ragione voi. mi avete convinto.
mi sbagliavo.
ora so cosa è il TEATRO.

gli amatoriali che fanno i classici sono un ottimo teatro;
splendide le parrocchie con i loro musical in playback.
per non parlare di chi sale su un palco e improvvisa senza regole:
molto meglio di Shakespeare. ma Shakespeare chi?
a che serve ‘sto Shakespeare? ma non è passato di moda?

tra Patroni Griffi e gli occupanti del Valle molto meglio i secondi, che si sparano le partite sul mega schermo e dicono che fanno vero teatro;
(imitando Iudica) “spacchiamo tutto che così l’impegno finisce in prima pagina.”
chisseneimporta delle accademie e delle scuole degli stabili, il dialetto e la nonchalance dell’improvvisato sono così interessanti.
così VERI.

a che serve un attore che recita un personaggio sordo, prendiamo un sordo proprio che è meglio.
sai che fico!
questa è la vita.
e noi sul palco vogliamo la vita vera.
mica una storia!
siamo tutti sordi!!
(sordi non vi arrabbiate, è ironico, già coi nani c’ho avuto problemi..)
siamo tutti flavioinsinna!!
facciamoci male in scena, picchiamoci, spacchiamoci la faccia!
se vediamo il sangue vero il pubblico sarà affascinato. e poi?
poi, mi sono già perso…
(tira una riga di coca)

e poi:
mettiamo carcerati al posto degli attori, così l’assessore fa bella figura
(imita l’assessore Aggioli) “ooooh, ma che belle facce! quello ha ucciso 4 persone e fa Amleto, chebbello.”
e nessuno li deve pagare.. la paga?
ma a che serve?
tutti doppiolavoristi che stanno in ufficio la mattina e la sera fanno Mohawad.

facciamo una lettura drammatizzata delle lettere che le staffette della prima guerra mondiale scrivevano quando si rompevano le palle di morire senza ideali e mettiamoci dentro delle musichette moderne, dei rumori di bomba e dei pupazzi.
(prende il pupazzo di una suora e con voce nasale:) “sono suor Gonorrea, sono qui per fare una morale semplice, con parole complicate, farvi sorridere con un controsenso banale e infine pulirmi la coscienza dicendo che questo è teatro civile”
sai che botta de cultura.
tanto poi lo facciamo la mattina per le scuole e se gli studenti se só rotti le palle delle staffette con le palle rotte la colpa è dei professori..

facciamo che riscriviamo La Locandiera e la chiamiamo “The Locandeer and the Altri Personagggg 2.0, experiment in Locarno di sotto”;
sia chiaro non cambiamo praticamente una mazza ma la ambientiamo in provincia di Pordenone, che l’accento del triveneto fa tanto sindacalista.
Li facciamo tutti zoppi e rosci; accazzodecane..
(recita male) “Grazie, signori miei, grazie. Ho tanto spirito, che basta per dire ad un forestiero ch’io non lo voglio; e circa all’utile,  la mia locanda non ha mai camere in ozio.”
(risate registrate)

questo sì che è il vero teatro: anziché portare un messaggio politico che anticipa i tempi diventa schiavo della partitica e ne riceve benefici.
in denaro;
in nero.
mettiamo una vedova contadina del polesine in scena che racconta la morte del marito, mentre tira il collo alle galline:
notevolmente più interessante di una attrice che è capace di darmi un risultato emozionale tutte le sere passando anche per la tecnica..
la tecnica non la usa più nessuno: è da vecchi!
ancora con sta tecnica..!
(declama) “L’ afflato c’è. D’offerta. Va con l’ansia. Per volere. Tessendo cingendo. Fendon tendon. Giungon…”

ma si, centri sociali, lavatoi, negozi di scarpe, case degli amici, fabbriche abbandonate, orinatoi pubblici, spazi angusti e foyer polverosi:
tutto è teatro basta dirlo e ci diventa: sticazzi di siae e agibilità!
tanto alla pensione non ci arriveremo mai. (piange in silenzio per un po’)

è più importante il lato umano, facciamo parte delle minoranze, guardandole con compassione dalle nostre piscine.
mica siamo qui per lavorare: tutto è arte se la si definisce tale..
e noi campiamo di definizioni. da sempre.

i tossici sono perfetti per fare Fiordipisello nel Sogno, e a quella nana diamo la parte della Signorina Morli, che così partono gli articoloni sui blog, che poi danno i premi in cui ci si premia tra noi senza nemmeno bisogno di andare a vederci l’un l’altro!
spariamo un tema sociale a caso e abbiamo vinto.
poi tanto nella vita stigrancazzi…
(si accende una sigaretta con un petardo)

menzioni d’onore, peana, foto mosse di capolavori che hanno visto 6 spettatori a sera in un finto teatro dal nome strano e straniero che sta sulle montagne delle province molisane.
tutto è teatro e tutto celebra il teatro.
splendido! anche se è il nulla.

tutto bellissimo, anche se non ha un senso;
e se io bradipo nudo per la scena emettendo grugniti chi sei per dirmi che il mio non è teatro?
se faccio finta di commuovermi parlando di cose fintamente di sinistra cosa ti dice che il mio non sia impegno sociale da rimarcare?
se faccio il monologo di Cyrano inchiappetandomi un castoro albino chi sei tu per dirmi che la mia non è vera arte ??

oh, sia chiaro:
se qualcuno si ribella e cerca di far luce tra tutta sta cialtroneria che fa tanto radical chic e si incipria di critica vetusta, attacchiamolo tutto insieme e diciamogli quello che abbiamo eletto come nostro insulto vessillo: fascista!
(sullo sfondo appare una gigantografia di Peciola)

ora si: mi avete aperto gli occhi con le vostre risposte sapide anche se non particolarmente intelligenti (e un poco con la coda di paglia) al mio Dodecalogo.
w nani e ballerine, abbasso chi studia!
evviva il nuovo, abbasso il Messaggero!
evviva il pressappochismo, abbasso quello che non capiamo!!
(comincia a cadere la neve)

(sipario)

IMG_6871

(grazie a Marta Cusconà per l’ispirazione..)

Annunci

From → Idee

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: